top of page

Candice Bogousslavsky nel suo lavoro di fine formazione individuale all'Accademia DImitri.

Dialogue with a Fish

Candice Bogousslavsky

Dialogue with a Fish

La tua pelle è diventata secca ma ancora scintillante, immobile come un albero morto in mezzo a un deserto inerte, mi fissi con i tuoi grandi occhi sporgenti.
Quanto tempo è passato? Bella domanda.
I confini di questa cella hanno tolto ogni nozione di secondi, minuti, notte o sobrietà.
La regina è stata avvertita. Non mi ha ancora risposto, ma presto ne saprò di più. Che sia nella morte o nella clessidra che ancora scorre, camminerò senza mai più spergiurare e racconterò bene, sì mia cara e peso sulla parola bene, a profusione, in abbondanza, alla grande, diabolicamente e tanto altro… assaporare!
Credi che le mosche si ricordino dei paesaggi che hanno assaporato?
Che vicolo cieco, mi sto accontentando ma cosa devo dire, sto morendo!
Che le campane suonino e che l’ospite venga inghiottito affinché gli altri, con le loro credenze superflue, si addormentino e lucidino la loro virtù.

Image-empty-state_edited_edited.jpg

bottom of page